Le scimmie usate nei test strillano di puro terrore: filmato del 1952 mostra i test batteriologici britannici

Stipate in piccole casse, le teste incastrate in piccoli fori, le scimmie senza dubbio sembravano terrorizzate.
Intorno a loro, uomini in tuta di gomma e maschere antigas predisponevano un semicerchio di scatole contenenti cavie sul ponte di un pontone.
Dopo che le scatole sono state disposte, gli uomini scompaiono al di sotto del ponte di una nave, e per un po’, non succede nulla.
Poi, dopo alcuni minuti, una piccola bomba posta su un palo lungo qualche metro li detona verso il mare e riversa gli animali in una nuvola mortale di peste bubbonica.
Queste scene, che sono appena stati rilasciate, appaiono in un film raccapricciante che mostra segreti esperimenti di guerra batteriologica su animali svolti da scienziati del governo britannico sessanta anni fa.
Gli esperimenti, che si sono svolti da maggio a settembre 1952 al largo delle coste dell’isola di Lewis nelle Ebridi, hanno esposto quasi 3.500 cavie e 83 scimmie macaco rhesus a germi mortali come la peste bubbonica.
Nome in codice Operazione Calderone, gli esperimenti segreti facevano parte del programma britannico nascente sulla guerra biologica, che al momento è stata ritenuto importante quanto lo sviluppo di armi nucleari.
Agendo nella convinzione che i sovietici stavano producendo bombe batteriologiche, scienziati provenienti da Porton Down sono stati informati di ideare armi simili nel laboratorio di Wiltshire che da utilizzare per rappresaglia contro un attacco batteriologico russo.
Anche se l’esistenza dei 47 minuti di film è stata resa nota da molti anni, è ora disponibile su YouTube, grazie agli sforzi di Mike Kenner, 58 anni, un attivista di Open Government del Weymouth nel Dorset.
«Questo è l’unico film simile in tutto il mondo», dice il signor Kenner, che ha fatto pressione sul Ministero della Difesa per ottenere il rilascio del filmato. «Per quanto ne so, è l’unico film che mostra animali esposti ad agenti patogeni».
Il Ministero della Difesa era riluttante a distribuire il film, e non è difficile capire il motivo considerando la visione inquietante.
Molte delle scimmie e cavie esposte ai germi sono morte entro pochi giorni, mentre ogni sopravvissuto è stato ucciso e dissezionato in modo da studiare gli effetti dei germi mortali sui loro organi.
Soprattutto, è la vista dei volti quasi umani delle scimmie a fare il filmato così scioccante.
«Anche se vediamo i test vengono effettuati su animali», dice il signor Kenner, «quando si vedono le scimmie, non si può fare a meno di entrare in empatia, e rendersi conto che queste armi erano stati progettate per essere usate contro le persone».
Pochissimi di coloro che hanno preso parte all’Oerazione Cauldron sono ancora vivi.
Uno degli uomini che possano attestare la verità di ciò che è successo è Geoffrey Scarlett, 82 anni, che era un sottufficiale a bordo della nave Ben Lomond, che ospitava gli animali e gli scienziati.
Come scrittore della nave, era responsabile di inviare rapporti all’Ammiragliato ed aveva ben compreso le finalità del progetto. Molti degli altri marinai avevano solo una vaga idea degli esperimenti svolte sul vicino pontile.
«Ci hanno semplicemente detto che eravamo in corso un test per una guerra batteriologica», dice il signor Scarlett. «Ma non ci hanno detto dove stavamo andando». Tuttavia, gli uomini sono stati informati che la partecipazione non era obbligatoria.
«Fin dall’inizio, hanno lasciato sapere che se qualcuno avesse contestato gli esperimenti effettuati sugli animali, allora sarebbe stato permesso di mollare e non ci sarebbe alcuna macchia sullo stato di servizio», dice il signor Scarlett.
«Per quanto ne so, nessuno ha abbandonato. Bisogna ricordare quelli erano altri tempi e la salvaguardia degli animali non era una priorità».
Mr Scarlett dice anche la maggior parte ha visto la necessità dello sviluppo di un nuovo tipo di armi di distruzione di massa.
«Era la metà della guerra fredda», dice «Vi sareste resi conto che doveva essere fatto. La maggior parte aveva fatto la guerra o, come me, era cresciuto durante la guerra. Abbiamo visto la bomba atomica, e questo era un altro tipo di guerra».
«In teoria, sarebbe stato molto più letale di una guerra nucleare. Una bomba nucleare può prendere una città. Guerra batteriologica può ottenere una nazione».
La massima cura è stata presa per mantenere gli esperimenti sicuri e le condizioni del vento sono stati attentamente monitorati prima di ogni detonazione per evitare la diffusione dei germi nell’entroterra.
«Il peschereccio è stato tallonato da due navi da guerra per 21 giorni, in attesa di qualsiasi richiesta di soccorso», dice l’esperto in guerra batteriologica Dr Brian Balmer dell’University College di Londra.
«Quando nessuno era presente, quasi tutti i record dell’incidente sono state incendiati». Infatti, i membri dell’equipaggio hanno sentito parlare della loro esposizione alla peste quando i documenti ufficiali sono stati aperti 50 anni dopo.
Quando gli scienziati coinvolti nelle sperimentazioni sono tornati a Porton Down, giudicarono gli esperimenti un successo.
«Nuovi orizzonti si sono aperti con l’esterimento sulla peste», si legge in un rapporto.
Ma i risultati dell’Operazione Cauldron non erano destinati a venire a l’attenzione del pubblico.
Se gli esperimenti fossero mai venuti alla luce, l’allora Primo Ministro, Winston Churchill, aveva preparato una dichiarazione per giustificare quello che molti avrebbero considerato immorale.
«La possibilità che i batteri possano essere utilizzati in una guerra futura non può essere trascurato», si legge nel rapporto.
«Le ricerche … sono portate avanti in modo che le misure difensive possano essere adottate. Gli esperimenti attualmente in corso fanno parte di queste ricerche».
Oggi il Ministero della Difesa ha cercato di prendere le distanze dagli esperimenti. Si dice che non riconosce il trattamento degli animali come visto nel film in linea con gli standard etici della ricerca scientifica.
Anche se è improbabile che tali creature siano oggi esposte ad agenti patogeni per scopi militari, l’uscita del film è un ricordo agghiacciante di come la Gran Bretagna stesse sviluppando una delle armi più letali che il mondo avesse mai visto.

Le immagini del video potrebbero offendere la vostra suscettibilità

Pubblicità

Un pensiero su “Le scimmie usate nei test strillano di puro terrore: filmato del 1952 mostra i test batteriologici britannici

  1. Rebecca o semplicemente Pif

    Non posso nemmeno cliccare che mi piace, perchè tutto questo una vergogna… l’essere umano e una vergogna fra i essere creati… e mi fermo qui… scusa Pif

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...