Archivi giornalieri: ottobre 11, 2012

Amnesty International contro la pena di morte: calano le esecuzioni, ma resta forte la sfida dei paesi mantenitori

In occasione del 10 ottobre, decima Giornata mondiale contro la pena di morte, Amnesty International ha dichiarato che nell’ultimo decennio il mondo ha fatto passi avanti significativi verso l’abolizione della pena capitale, ma che la sfida dei paesi mantenitori resta forte.

Dal 10 ottobre 2003, prima Giornata mondiale contro la pena di morte, 17 paesi sono diventati abolizionisti per tutti i reati, portando a 140 il numero dei paesi che non ricorrono più alla pena capitale, il 70 per cento del pianeta.

Tuttavia, anche se i paesi che applicano la pena di morte sono sempre di meno, una manciata di essi (comprese potenze del calibro di Cina e gli Usa) vi ricorre con agghiacciante regolarità.

“Nel 2011, solo 21 paesi hanno eseguito condanne a morte, mentre all’epoca della prima Giornata mondiale contro la pena di morte erano stati 28. Nel frattempo, 17 paesi l’hanno abolita per tutti i reati, un segnale di grande progresso” – ha dichiarato Widney Brown di Amnesty International. “Nonostante ciò, quella contro la pena di morte resta una lotta di lungo periodo e c’è ancora molto da fare per convincere i paesi rimasti a porvi fine una volta per sempre”.

Continua a leggere

Annunci

Un “Avvenire” non roseo per il giornale della Cei

Ci sarebbe aria di crisi anche per il quotidiano della Cei Avvenire. Secondo quanto riporta ItaliaOggi sarebbe pronto un piano di contenimento dei costi che porterebbe al prepensionamento di una parte della redazione dei cento giornalisti diretti da Marco Tarquinio.
Nonostante siano aumentati i ricavi per le vendite (più 4,1 per cento) e per la raccolta pubblicitaria (più 3,2 per cento) il bilancio 2011 si è chiuso con un “rosso” di 562.000 euro.
Segni negativi sono stati riportati anche per i bilanci del 2010 (un passivo di 872.000 euro) e del 2009 (un passivo di 603.000 euro): i bilanci del giornale della Cei sono in rosso da tre anni nonostante abbia ricevuto – per l’anno 2010 – un finanziamento record di 5.092.265,03 euro, per il 2009 un finanziamento di 5.871.082,04 euro, per il 2008 e per il 2007 di 6.174.758,70 euro per ciascun anno, per il 2006 di 6.300.774,18 euro, per il 2005 di 6.300.774,17 euro e per il 2004 di 5.990.900,04 euro.