The Independent: «Napoli, una città dove la vita costa poco».

In Via dello Stelvio, nel quartiere di Secondigliano a nord di Napoli, si possono ancora vedere le macchie di sangue. La vittima, lo spacciatore di droga Gennaro Spina, 26 anni, però non sarà ricordato per molto tempo. Nella zona conosciuta come il supermarket della droga d’Italia, i residenti sono più preoccupati per evitare l’inclusione nella lista crescente di coloro vittime del fuoco incrociato.

«La vita è a buon mercato qui», dice Pasquale Scherillo, il proprietario di una scuola guida nella strada adiacente. «Vuoi sapere come a buon mercato? Ieri, quando hanno ucciso l’ultimo, le persone portavano i loro figli a vedere».

«Stavano lì con i bambini, permettendo loro di guardare, con il sangue che copre la testa».

Forse “fuoco incrociato” è un termine improprio. Quando, il 6 dicembre di otto anni fa, Dario, l’incensurato fratello ventiseienne del signor Scherillo è stato ucciso non lontano dal loro ufficio da due uomini armati, i proiettili erano rivolti a lui. Dario Scherillo ha semplicemente avuto la sfortuna di possedere un motorino che era della stessa marca e colore di quello appartenente ad un pusher locale, il cui omicidio era stato ordinato da un boss della camorra.

Il 15 del mese scorso il numero delle vittime tra i passanti innocenti ha raggiunto un punto di riferimento preoccupante. Lo studente Pasquale Romano, 35 anni, è stato il 160esimo ad essere ucciso per errore dalla camorra dal 1980, dopo che uomini armati hanno sparato 14 volte, mentre lui sedeva nella sua Renault Clio vicino a Marianella.

«Centosessanta casi di scambio di identità suggeriscono che le persone dietro gli omicidi non sono troppo di gusti difficili se colpiscono la persona sbagliata», dice Scherillo. La morte di Pasquale Romano, in circostanze così simili a quelle di suo fratello, ha indotto il signor Scherillo a scrivere una lettera aperta al quotidiano La Repubblica, invitando la cittadinanza a combattere contro i clan.

Poche settimane dopo l’uccisione di Dario nel 2004, un altro innocente, Antonio Landieri, è stato ucciso. Poi venne lo scandaloso caso di Gelsomina Verde, la giovane donna rapita, torturata e uccisa perché erroneamente ritenuta la ex fidanzata di un camorrista. Nel giugno di quest’anno un altro innocente, Andrea Nollino, è stato assassinato mentre apriva il suo bar. «Quando ci sono centinaia di morti accidentali, significa che si sta parlando di una guerra. Questo è quello che abbiamo», ha detto Scherillo.

Dietro la violenza si nasconde una battaglia per il mercato della droga a Scampia e nei vicini quartieri di Secondigliano e Miano. I combattenti sono membri del gruppo di camorra noto come Scissionisti – i secessionisti – che si staccò dal clan di Di Lauro del nord di Napoli nel 2004. Questo conflitto, tra i lealisti di Di Lauro e gli Scissionisti, ha visto 60 omicidi in soli 18 mesi. Ora gli Scissionisti più giovani stanno combattendo tra di loro, nonostante continuino le ostilità con la fazione Di Lauro. E la conta dei morti è in aumento.

Il mercato della droga è una dei più grandi d’Europa con un valore stimato di oltre 100 milioni di € l’anno.

Amalia De Simone è una giornalista che ha tenacemente riportato per il Corriere della Sera sulla criminalità organizzata nel nord di Napoli da anni, nonostante le minacce di morte.

«Quello che è difficile da apprezzare è il livello di organizzazione», ha detto. «Il traffico di droga è gestito come una grande azienda. Come una fabbrica. Le persone sono anche pagate per fare il catering. Ho sentito di recente che una delle piazze più grandi e più frequentate stava facendo 20 milioni € al mese».

A Secondigliano e nel quartiere adiacente di Scampia, con il suo tristemente noto complesso residenziale de Le Vele, c’è una tale quantità e varietà di droghe in vendita che si farebbe fatica a trovarle altrove in Italia o in Europa occidentale. E ci sono le vicine autostrade per le fughe veloci.

Una operazione su larga scala ha bisogno di altrettanto personale su grande scala. Nei quartieri poveri con un tasso di disoccupazione pericolosamente elevato, non è difficile per la camorra reclutare dodicenni come vedette, soprattutto quando si è disposti a pagarli € 150 al giorno – più di quanto guadagnino la maggior parte dei professionisti in Italia.

Amalia De Simone lo descrive come «un sistema di welfare alternativo – un corrotto, violento e quanto mai riprovevole, ma uno che funziona laddove lo Stato non funziona».

Indicativo del degrado morale è la facilità con cui vedette di dodici anni e corrieri della droga di quattordici anni diventino assassini a sedici anni. Michele Spina, il capo della polizia della divisione di Scampia, ammette di essere scioccato da quanto queste giovani reclute si stanno trasformando così facilmente in assassini a sangue freddo. Pochi sbuffi dell’intruglio locale chiamato shabu, un mix di cocaina e crystal meth, li aiuta a scrollarsi di dosso la tensione.

«È uno shock vedere ragazzi così giovani diventare assassini. Ma è anche molto preoccupante, perché più giovani sono, più impulsivi e irragionevoli che sono», ha detto Spina. «La situazione è diventata più caotica».

Guidare nella Secondigliano in un luminoso pomeriggio d’estate indiana, non sembra particolarmente minaccioso. In Via Filimarino le persone si aggirano intorno a bancarelle che vendono bottiglie di detersivo, biancheria intima a buon mercato e polpi anche freschi grigi e marroni scintillanti al sole.

Nel suo ufficio a valle della strada, il signor Scherillo dice che durante il giorno è una cosa, ma non ci sarà nessuno in giro dopo il tramonto.

«Dalle 8:00 di sera è completamente vuoto. Non mi piace stare in mezzo alla strada. C’è un coprifuoco non ufficiale. L’altro mio fratello, Alessandro, tornato a casa dalle vacanze anni fa, lo hanno bloccato con una pistola in bocca, poi se ne sono andati con la sua valigie. Si è trasferito in Inghilterra e non è più tornato».

Ci sono un sacco di persone coraggiose e capaci che fanno la differenza nel nord di Napoli. Ennio Petricciuolo è uno degli insegnanti in una scuola vicina, l’Istituto Professionale di Miano, che gestisce attività extra-scolastiche per tenere i giovani del luogo sulla retta via. Il suo progetto ”Bellezza e Dignità” incoraggia i giovani a fare videoclip contro i clan.

«Lavoriamo con bambini difficili, ma qualcuno di loro può essere salvato e abbiamo tenuto molti lontano da una vita di crimine», ha detto. Questi sono quelli che si rendono conto che con le droghe, mentre puoi fare un sacco di soldi molto in fretta, è probabile che sarai morto, o dietro le sbarre entro i trent’anni.

Dopo l’omicidio di Paquale Romano il 15 ottobre, 2.000 persone del luogo sono venute al funerale per mostrare la loro solidarietà. Ma anche questo evento non è stato senza polemiche, i genitori del signor Romano si sono lamentati del fatto che il prete aveva vistosamente omesso di menzionare la parola “camorra” nel suo discorso.

Ma, come si visita il relitto sociale della Secondigliano e si parla con le persone che piangono i propri cari e svolazzano intorno nervosamente secondo un coprifuoco non citato, non è la parola C di criminalizzazione che mi viene sempre in mente, ma la parola “D”. Depenalizzazione invece di divieto è stato propagandato dal Partito Radicale in Italia dal 1970. Ma i suoi membri, come i politici libertari in molti altri paesi, stanno conducendo una battaglia solitaria.

Al contrario, la speranza è con gente come Pasquale Scherillo, Ennio Petricciulo e il capo della polizia, Michele Spina. I loro sforzi sembrano tutti i più mirabili date le forze economiche accumulate contro di loro. Dal suo bunker di cemento a Scampia, il signor Spina dice che da quando ha assunto il lavoro cinque anni fa è riuscito a chiudere molte delle piazze locali della droga.

«Averli è un affronto e non è accettabile», dice. Ma ammette che quando un mercato della droga è chiuso, gli affari si muovono probabilmente da qualche altra parte.

Gennaro Spina (nessuna parentela), è stato ucciso alle 3,30 del pomeriggio in una strada trafficata in pieno giorno. In pochi minuti, una folla si era radunata intorno al suo cadavere. Ma, a quanto pare, nessuno ha visto niente. Anche se il suo assassino invisibile è scomparso, un vertice sulla sicurezza di giudici e capi di polizia, guidata dal nuovo procuratore capo della città, Giovanni Colangelo, si incontrava per discutere della crisi. Successivamente il signor Colangelo ha dichiarato: «Abbiamo bisogno della partecipazione di tutti nella comunità per costruire una cultura della legalità nella vita quotidiana».

La scorsa settimana la polizia stava distribuendo nei quartieri settentrionali manifesti dei cinque più ricercati mafiosi coinvolti nella faida. Il più vecchio dei cinque, Marco di Lauro, ha 32 anni. Il più giovane, Mariano Abete, solo 21. Le autorità non hanno ancora ricevuto nessuna pista.

Traduzione dell’articolo della The Independent “Naples: A city where life is cheap” di Michael Day

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...