Vita di donna: Annalisa Minetti. Una favola italiana.

Da Londra arriva una bella notizia. Annalisa Minetti – 36 anni – ha conquistato la medaglia d’oro nei 1500 metri alle Paralimpiadi di Londra.
Annalisa ha scoperto di essere affetta di retinite pigmentosa e degenerazione maculare a 18 anni: malattie che la porteranno ad una graduale cecità.
Nonostante questo avvenimento avrebbe demoralizzato i più la bella Annalisa non si abbatte ed a 21 anni partecipa all’edizione 1997 di Miss Italia classificandosi nei primi dieci.
In quella occasione – in cui veniva data per favorita (la vittoria poi andò a Claudia Trieste) – Annalisa Minetti esprime la sua passione per la musica e riesce a coronare il suo sogno l’anno successivo partecipando al Festival di Sanremo.
Alla kermesse della musica italiana si impone nella categoria “nuove proposte” con il brano Con te o senza te. Successivamente – grazie al regolamento – ebbe la possibilità di gareggiare anche nella categoria “big” e vinse il Festival davanti ad un mito della musica italiana come Antonella Ruggiero.

Nel frattempo arriva un matrimonio felice, dei figli e delle partecipazioni importanti nel mondo della musica come con Claudio Baglioni.
In una vita che si potrebbe considerare di certo appagata, Annalisa Minetti coltiva un’altra passione: per lo sport. E riesce a farlo ai massimi livelli partecipando a 36 anni alle Paralimipiadi di Londra conquistando una medaglia di bronzo e conquistando il record mondiale nella categoria T11 con il tempo 4’48″88.
Quella di Annalisa Minetti sembra una favola. La favola di una bella principessa che è stata privata dal destino della vista di molte cose ma che – grazie alla sua caparbia – è riuscita ad avere una visione più ampia di molte persone: credo che tutti dovrebbero prendere ad esempio da lei. È proprio il caso di usare le strofe con cui vinse a Sanremo “la mia vita è difficile ma non è finita, in salita lo so penso che ce la farò”.

Pubblicità

2 pensieri su “Vita di donna: Annalisa Minetti. Una favola italiana.

  1. Rebecca o semplicemente Pif

    Importante di mai lascarsi andare, ci sono tante persone con un handicap e poi alla fine grazie proprio a questo handicap fanno cose straordinarie… Pif

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...