Una Singalese nata a Roma scrive a Napolitano: perché non posso essere Italiana e competere per Miss Italia?

Puntuale come sempre anche quest’anno la programmazione di Rai 1 sarà impegnata ad eleggere “la più bella d’Italia” e – come ogni anno – ci sarà modo per trovare spunti di polemica.
Qualche lieve accenno di polemica non è tardato a mancare per la presenze tra le finaliste di Miss Italia 2012 di Chiara Andrea Danese: nota alla cronache per aver partecipato alle famose cene di Arcore di Silvio Berlusconi e per essersi costituita parte civile nel “processo Ruby” per sfruttamento della prostituzione a carico di Emilio Fede, Nicole Minetti e Lele Mora.
In tempi di spending review anche il concorso voluto dal compianto patron Enzo Mirigliani ha subito dei tagli: infatti le sei finaliste di Miss Italia nel mondo 2012 si contenderanno l’ambito titolo nel corso della prima serata di Miss Italia e non più separatamente.
Una polemica intelligente viene proprio dalla diciottenne Nayomi Andibuduge, una delle sei finaliste per Miss Italia nel Mondo. Questo concorso era nato per celebrare le bellezze di origine italiana ma che vivevano all’estero. Nayomi Andibuduge è invece il contrario di tutto questo: le sue origini sono dello Sri Lanka (come i suoi due genitori) e l’Italia per lei non è il passato della sua famiglia ma l’ambito futuro.Nayomi è nata a Roma da genitori singalesi da decenni presenti nel nostro Paese, ha sempre vissuto e studiato in Italia, è integrata a tutti gli effetti nel nostro Paese eppure non è cittadina italiana con tutte le conseguenze possibili per una ragazza italiana di fatto ma non formalmente (ad esempio non potrà accedere a molti concorsi pubblici o avere diriti elettorali). Proprio per questo Nayomi ha deciso di scrivere una lettera aperta al Presidente Napolitano descrivendo le difficoltà di chi è Italiano a tutti gli effetti ma non gli viene riconosciuto questo status.
Nel nostro Paese l’ottenimento della cittadinanza da parte di stranieri che vivono da decenni nel nostro territorio è un percorso lungo e complicato e la cittadinanza non viene concessa automaticamente neanche a chi – come nel caso di Nayomi – nasce in Italia.
Questo avviene perché il conseguimento della cittadinanza può avvenire – in base allo Stato – per il principio dello jus sanguinis o dello jus loci. In base al primo – vigente in Italia – la cittadinanza viene tramandata dai propri genitori (almeno uno) ai propri figli. In base al principio dello jus loci si acquisisce (o si ha il diritto di acquisire) la cittadinanza della nazione in cui si nasce (anche se da genitori stranieri).
L’Italia per anni è stato un Paese di emigrazione (ossia di Italiani che cercavano fortuna all’estero) e perciò aveva senso un sistema che tenesse i legami con i nostri connazionali all’estero. Al contrario ora siamo diventati un Paese di immigrazione (ossia stranieri che vengono a cercare fortuna in Italia) e l’adozione del sistema dello jus sanguinis crea molti paradossi.
Ad esempio persone nate all’estero possono essere cittadini italiani (spesso con il doppio passaporto) in virtù del fatto che un lontano antenato era di origini italiane: spesso si tratta di persone che – seppure Italiane per cittadinanza – non conoscono la nostra lingua, non hanno legami con il nostro Paese, non pagano le tasse ma – paradossalmente – possono eleggere i loro rappresentati nel Parlamento italiano e votare ai referendum (ed ovviamente il loro voto inciderà sulle decisioni che riguardano chi vive in Italia).
Al contrario ci sono persone come Nayomi che sono nate in Italia, pagano le tasse, studiano, lavorano, parlano perfettamente la nostra lingua ma non potranno diventare cittadini di quel Paese di cui si sentono parte integrante ed – a differenza di chi ha origini italiane ma non è mai vissuto nel nostro Paese – non potranno mai votare o essere eletti.

Articolo pubblicato anche su

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...